lunedì 3 febbraio 2014

Cambiare opinione


   Qualcuno mi rimprovera di cambiare opinione. E' vero, mi capita di cambiare opinione perchè una persona onesta se si accorge che le cosa non stanno come pensava oppure che sono più complesse ha il dovere di prenderne atto e non restare impalato e rigido a sostegno di quello che è diventato un errore.

  In quanto al movimento cinque stelle quali che siano le origini e le intenzioni di Grillo e Casaleggio resta il fatto che sta reggendo l'urto di una maggioranza bulgara alla Camera e si sta intestando battaglie alle quali io partecipo con tutto il cuore.

 La battaglia per la Banca d'Italia è memorabile ed ha in nervosito molto il Potere. Ora si apre la battaglia sulla legge elettorale.

 Io sono e resto sempre un socialista lombardiano  che per restare tale deve votare comunista dal momento che la socialdemocrazia europea è fallita ed è compromessa con i liberisti. In Germania collabora con la Merkel ed in Francia Holland non si puà certo definire un uomo di pace per i suoi conati colonialisti verso la Siria e la sua organica appartenenza alla ideologia dello Occidente.
  Il M5Stelle ha posizioni sulla Europa e sull'Euro migliori e più condivisibili di quelle dei socialisti europei e di Tsipras che sta organizzando una sua lista. Tsipras a me sembra un Vendola greco.

  Viviamo tempi difficilissimi e tempestosi. Credo che la guerra sia più vicina di quanto si pensi. L'Ucraina rischia di andare in fiamme e ci riguarderà molto da vicino.
   In questo contesto cambiare opinione a fronte di una realtà che a volte è peggiore di quanto si immaginasse è doveroso per una persona onesta e che è totalmente disinteressata.
 

1 commento:

Vincenzo Rauzino ha detto...

Sono lieto della tua onestà intellettuale.
Vincenzo Rauzino